Falcone e Borsellino: Agesci, 2mila scout a Palermo per il 25° delle stragi

Sono 2mila gli scout dell’Agesci attesi a Palermo per commemorare il 25° anniversario delle stragi che, tra maggio e luglio del 1992, uccisero i magistrati Paolo Borsellino, Giovanni Falcone con la moglie Francesca Morvillo e gli agenti delle scorte. Dal 17 al 19 luglio saranno nel capoluogo siciliano 1000 rover e scolte (ragazzi dai 16 ai 21 anni), 200 lupetti e coccinelle (bambini dagli 8 ai 12 anni), 300 esploratori e guide (ragazzi dagli 11 ai 16 anni), 500 capi e i responsabili nazionali per un appuntamento, organizzato dall’Agesci Sicilia, che – si legge in una nota – vuole “tenere in vita la memoria, attingendo da essa linfa nuova per alimentare il presente e insieme cambiare il mondo. Fare memoria, infatti, non è soltanto ricordare, ma anche rinnovare l’impegno e la passione civile”. Secondo Barbara Battilana e Matteo Spanò, presidenti del Comitato nazionale Agesci, “oggi, ancora una volta, è più deciso e fermo che mai l’impegno di noi scout a sostegno della legalità”. “Il 1992 – proseguono – ha profondamente segnato le nostre coscienze e quelle di tutte le forze sane della società civile, che senza sosta si impegnano nella lotta alle mafie. Vogliamo continuare giorno dopo giorno ad educare i nostri ragazzi e le nostre ragazze ai valori di lealtà, rispetto e fiducia”. A Palermo sono in programma workshop, la testimonianza sulla Base Volpe Astuta (primo bene confiscato assegnato all’Agesci), la partecipazione alla ciclo-staffetta delle Agende rosse, la veglia su “La responsabilità della memoria” e la messa. L’appuntamento sarà seguito con un live Twitter da @CamminInsieme con hashtag #ilventocambiera #Respmemoria.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia