This content is available in English

Attacco a Londra: card. Marx, “vittime della violenza, feriti, morti e familiari sono nel nostro cuore”

“Ancora una volta siamo colpiti dagli eventi terribili che ovunque nel mondo mettono in evidenza che le forze della violenza e del male non saranno messe a tacere, ma si rialzeranno sempre. Noi sappiamo però che la potenza di Cristo è più forte! Più forte della morte, del peccato, della paura”. Lo ha detto ieri il card. Reinhard Marx, arcivescovo di Monaco e Frisinga e presidente della Conferenza episcopale tedesca, nell’omelia della messa di Pentecoste. Un pensiero particolare all’attentato di Londra: “Vogliamo includere nella nostra preghiera tutte le persone che sono afflitte e oppresse in un modo speciale: le vittime della violenza, i feriti, i morti, i familiari: tutti sono nel nostro cuore adesso, in questa celebrazione dell’Eucaristia”. La Pasqua e la Pentecoste, ha spiegato il cardinale, dovrebbero “mettere il mondo in movimento verso la meta di una sola famiglia umana”, ma si presenta sempre la “tentazione di tirarsi indietro, di rinchiudersi nel proprio io” per cui la “visione del mondo come una sola famiglia umana appare attualmente piuttosto appannata”. Il card. Marx ha sollecitato i cristiani a “offrire una contro-testimonianza, una testimonianza del fatto che lo Spirito di Dio è efficace, che questo spirito può tenere tutto il mondo in movimento verso il meglio, verso l’amore, verso la giustizia”. Questo è l’invito della Pentecoste: testimoniare questo messaggio nel mondo, con grande fiducia, senza paura, senza arrendersi, senza rinunciare”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa