Migranti: Impagliazzo (Sant’Egidio), “il presidente del Togo sarà a Lampedusa per ricordare i morti nel Mediterraneo”

“Dopo la Francia anche la Germania potrebbe aprire corridoi umanitari”. Lo ha annunciato Marco Impagliazzo, presidente della comunità di Sant’Egidio, ieri sera a Matera in occasione della Festa di Avvenire, intervenendo al dibattito sul tema “Il Mediterraneo e il Mondo che cambia: il fenomeno migratorio”. “L’idea dei corridoi umanitari è nata dopo Mare Nostrum. Abbiamo notato che l’articolo 25 del regolamento visti dell’Unione europea consente per casi umanitari o di protezione internazionale ai Paesi europei di fare un visto a territorialità limitata – ha raccontato -. Quindi abbiamo creato questo canale umanitario parlando coi ministeri degli Esteri e dell’Interno, ai quali abbiamo chiesto che fosse applicato questo articolo. L’Italia ha deciso di assegnare mille visti in due anni, ma li abbiamo già esauriti in un anno e mezzo. Poi è compito delle associazioni di assumersi tutti i doveri dell’accoglienza e di accompagnare queste persone nell’integrazione. Allora lo abbiamo proposto anche ad altri Paesi europei. La Francia ha accettato. E poi la Repubblica di San Marino e la Federazione di Andorra. Anche la Cancelliera Merkel ha dato la disponibilità”. Impagliazzo ha annunciato inoltre che “siamo riusciti a convincere il presidente del Togo ad andare a Lampedusa nelle prossime settimane per ricordare i morti nel Mediterraneo. Finora non lo ha fatto nessun leader africano”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia