Quotidiano

Quotidiano - Italiano

This content is available in English

Papa Francesco: Messa 25° ordinazione episcopale, come ad Abramo “il Signore ci dice: alzati, guarda, spera”

(L'Osservatore Romano (www.photo.va) / SIR)

“Alzati, guarda, spera”: questi tre imperativi che scandiscono il dialogo di Dio con Abramo dopo il “vattene dalla tua terra”, segnano “la strada che deve percorrere” il patriarca ed “anche il suo modo di fare, l’atteggiamento interiore”. Ed “a noi oggi il Signore ci dice lo stesso”. Esordisce così Papa Francesco, nell’omelia della concelebrazione eucaristica presieduta questa mattina nella Cappella Paolina del Palazzo Apostolico con i cardinali presenti a Roma in occasione del suo 25° di ordinazione episcopale. Nella sua riflessione, pronunciata completamente a braccio e incentrata sulla prima lettura che racconta come Abramo credette a Dio e l’alleanza conclusa dal Signore con lui, il Pontefice ribadisce il triplice imperativo “Alzati, guarda spera”. “Alzati – spiega – alza, cammina, non stare fermo. Tu hai un compito, una missione, e devi farla in cammino. Non rimanere seduto, alzati in piedi. Abramo cominciò a camminare, si incamminò sempre e il simbolo di questo è la tenda”. “Dice il libro della Genesi – prosegue Francesco – che Abramo andava con la tenda e quando si fermava c’era la tenda. Mai Abramo ha fatto una casa per lui. Soltanto costruì un altare, l’unica cosa, per adorare colui che gli ordinava di alzarsi ed essere in cammino”. Il Papa si sofferma quindi sul secondo imperativo: “Guarda: alza gli occhi e dal luogo dove stai spingi lo sguardo verso il settentrione, il mezzogiorno, l’oriente e l’occidente. Guarda l’orizzonte, non costruire muri, guarda sempre e vai avanti. E la mistica dell’orizzonte è che più vai avanti, più lontano è l’orizzonte. Spingere lo sguardo, camminare, ma verso l’orizzonte”. “Terzo imperativo – riflette ancora Francesco -: spera”. “L’erede uscirà da te, sarà da te, spera! E questo detto a un uomo che non poteva avere eredità sia per la sua età sia per la sterilità della moglie”. “La tua eredità – il Papa richiama la promessa di Dio ad Abramo – sarà come la polvere della terra”. “Un po’ più avanti alza lo sguardo, guarda il cielo, conta le stelle, se riesci, così sarà la tua discendenza. E Abramo credette e il Signore glielo accreditò come giustizia nella fede di Abramo”.

(L’Osservatore Romano (www.photo.va) / SIR)

© Riproduzione Riservata
Chiesa