Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Paolo Limiti: Cristina Parodi al Sir, “un grande narratore, una persona molto educata”

“Poalo Limiti era persona rara, di quelli che amano condividere con gli altri, lavorare insieme. Dovendo definirlo in due parole, direi che era un grande narratore e una persona molto educata”. Così Cristina Parodi, giornalista e conduttrice di Rai Uno – ha appena terminato la stagione de “La vita in diretta” e quasi certamente sarà al timone di “Domenica In” da settembre 2017 – ricorda il collega Paolo Limiti, che si è spento oggi, a Milano, dove era nato 77 anni fa, dopo aver affrontato una dura malattia. Cristina Parodi conosceva da tempo Paolo Limiti, noto conduttore di programmi di successo per la tv italiana – da “Lo Zecchino d’Oro” a “Domenica In” o “Alle 2 su Rai 1” -, ma anche storico dello spettacolo e celebre paroliere: tanti i brani portati al successo da Mina. Nel 2012 Limiti e Parodi si trovano a lavorare insieme per il programma talk su La7, “Cristina Parodi Live”. “Pur essendo un grande professionista – sottolinea la conduttrice raggiunta al telefono dal Sir – con un passato molto importante, Paolo si è presentato nel nostro studio in punta di piedi, con una grande attenzione”. Seguita ancora la Parodi: “Mi è sempre piaciuto il tipo di televisione che faceva: una tv che potremmo definire vintage, ma realizzata con estrema cura, con eleganza e garbo. Quando ho iniziato l’avventura a La7, mi piaceva l’idea d’inserire un personaggio, Paolo, che richiamasse un po’ il passato ma con una formula che solo lui sapeva fare, da grandissimo narratore. Dunque, l’ho voluto fortemente in quel programma e si era ritagliato uno spazio molto bello: due poltroncine da cui partivamo a ricordare personaggi dello spettacolo, dai grandi divi americani ai protagonisti della canzone italiana, di cui Paolo conosceva storia e tante curiosità”. La Parodi racconta poi un piccolo aneddoto che svela il carattere semplice e generoso di Limiti: “In quel momento non lavorava da un po’ in tv e a lui faceva molto piacere tornare in video. Era contento ma anche un po’ preoccupato. Ricordo che mi disse: ‘Mi raccomando, Cristina, guidami tu, fammi le domande se mi vedi in difficoltà’. In realtà è bastata solo una prima domanda e non si è fermato più!”.

© Riproduzione Riservata
Italia