‘Ndrangheta: mons. Oliva (Locri-Gerace), “rattristato per il danno” fatto al Santuario di Polsi

“Anch’io come voi, giovani di San Luca, sono devoto alla Madonna della Montagna di Polsi. Ma sono molto rattristato per il danno che hanno fatto molti, che, pur dicendosi cristiani, non hanno rispettato quel luogo sacro, lo hanno profanato con i loro progetti criminali. C’è in me tanta sofferenza al pensiero che la vostra e la nostra fede nella Madonna della Montagna di Polsi possa essere stata macchiata da alcuni che hanno scelto la via del malaffare”. È quanto scrive il vescovo di Locri-Gerace, mons. Francesco Oliva, in una lettera ai giovani di San Luca che ieri avrebbero dovuto ricevere il sacramento della Cresima. Il 6 giugno scorso il presule, infatti, aveva chiesto alla comunità cristiana di San Luca di dedicare una Giornata di penitenza e di digiuno con momenti di riflessione e preghiera mercoledì 21 giugno sospendendo “la prevista amministrazione delle Cresime agli adulti”. La decisione del presule avveniva dopo alcuni fatti. Tra questi l’arresto di “un noto pregiudicato”, dopo anni di latitanza e le immagini del saluto “riverente” con “baciamano” a lui riservato. “Abbiamo rimandato, solo perché volevo iniziare a condividere con voi una riflessione che presto proporrò a tutti i cresimandi adulti della diocesi”, scrive il vescovo che si dice “preoccupato” di un fenomeno “sempre più in crescita: molti dopo aver ricevuto la cresima si allontanano dalla Chiesa e abbandonano definitivamente la pratica religiosa. Tanti cresimati, ma poco cambia nella loro vita personale. Tutto va avanti come sempre e poco appare la forza rinnovatrice dei Sacramenti nella vita di coloro che li ricevono. Come vorrei – auspica mons. Oliva – che tutti coloro che ricevono la cresima diventassero lievito nel mondo, capaci di dare un apporto decisivo al rinnovamento sociale e civile dei nostri piccoli paesi!”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa