Carceri: Napoli, oggi pomeriggio si presenta il libro di Antonio Mattone, “E adesso la palla passa a me”

“Passione civile e umana solidarietà”: sono stati i due motori che hanno spinto Antonio Mattone a riflettere su malavita, solitudine e riscatto nel carcere. Ne è nato il volume “E adesso la palla passa a me. Malavita, solitudine e riscatto nel carcere”, di cui si parlerà oggi pomeriggio, alle ore 17.45, a Napoli, presso l’Istituto di cultura meridionale Palazzo Arlotta, in via Chiatamone 63. Con l’autore, Alessandro Barbano, direttore del quotidiano “Il Mattino”, il magistrato Francesco Cascini, già presidente dell’Associazione nazionale magistrati, e don Raffaele Grimaldi, ispettore generale dei cappellani delle carceri italiane. Interviene il ministro della Giustizia, Andrea Orlando. Modera Massimo Milone, direttore di Rai Vaticano. Saluti di apertura di Gennaro Famiglietti e dell’editore Diego Guida.
“E adesso la palla passa a me” è la frase scritta da un detenuto in una lettera inviata all’autore. “Quando uscirò dal carcere la palla passa a me, come mi hai detto tante volte tu”. Antonio Mattone, che ha partecipato come esperto agli Stati generali dell’esecuzione penale voluti dal ministro della Giustizia Andrea Orlando, ha raccontato nel volume 10 anni di esperienza vissuti come volontario all’interno del carcere di Poggioreale e di altri penitenziari italiani, attraverso gli editoriali pubblicati su “Il Mattino”. Gli articoli trattano dei problemi e delle vicende di cui tanto si è parlato in questi anni: sovraffollamento, sicurezza della società, violenza, salute, Opg, diritti negati, volontariato. “Un viaggio dove alla fine un dato sembra inconfutabile: umanizzare il carcere farà bene a chi è detenuto come a chi non lo è”, sottolinea l’autore.
Antonio Mattone è nato e vive a Napoli. Fin da giovane è impegnato nella Comunità di Sant’Egidio dove ha incontrato i bambini e gli anziani dei quartieri di Scampia, della Sanità e del Centro storico. Dal 2006, visita ogni settimana i detenuti del carcere di Poggioreale, oggi intitolato a Giuseppe Salvia, e di altri penitenziari italiani. È direttore dell’Ufficio di pastorale sociale e del lavoro della diocesi di Napoli.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa