Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Ue: terrorismo “una delle più gravi minacce alla pace e alla sicurezza internazionali”. Rafforzare prevenzione e cooperazioni esterne

(Bruxelles) “Forte e inequivocabile” è la “condanna del terrorismo in tutte le sue forme e manifestazioni, perpetrato da chiunque e per qualunque scopo” che oggi è stata ribadita dal Consiglio dell’Ue in occasione dell’adozione delle Conclusioni dell’azione esterna dell’Ue sulla lotta al terrorismo, definito “una delle più gravi minacce alla pace e alla sicurezza internazionali”. Il documento adottato oggi parla del rafforzamento del ruolo delle “strutture” orientate a “garantire maggiore coerenza tra le azioni interne ed esterne nel settore della sicurezza”, (agenzie Gai, missioni e operazioni in ambito Psdc). Intenzione del Consiglio è rafforzare anche la cooperazione con il Medio Oriente e il Nord Africa, Balcani occidentali, Turchia, Sahel e Corno d’Africa “grazie a un dialogo politico più strutturato, più progetti antiterrorismo e sostegno finanziario alla lotta contro il terrorismo e alla lotta contro l’estremismo violento” e la sua prevenzione, oltre che “comunicazioni strategiche rafforzate, in particolare grazie alla task force di comunicazione strategica per il Sud”. Da rafforzare inoltre anche “la cooperazione internazionale”, con Usa, Australia, Canada e i partner Schengen, oltre che con Nazioni Unite, Nato, il Forum globale antiterrorismo, Interpol e la coalizione internazionale al fine di “combattere il Da’esh”.
Altro punto ancora è rafforzare la “risposta dell’Ue in ambiti tematici chiave”, quali ad esempio la lotta contro l’estremismo violento e la sua prevenzione, il reclutamento e la radicalizzazione online, i combattenti terroristi stranieri, il traffico di armi il finanziamento del terrorismo e del riciclaggio di denaro e i collegamenti fra la criminalità organizzata e le forme gravi di criminalità e il terrorismo. Restano comunque “pietra angolare” in quest’ambito d’azione del Consiglio le Conclusioni adottate il 9 febbraio 2015, dopo gli attacchi a Charlie Hebdo.

© Riproduzione Riservata
Europa