Ior: rafforzati la “governance” e il sistema dei controlli interni

In aggiunta al raggiungimento degli obiettivi finanziari, l’Istituto per le Opere di Religione (Ior) ha conseguito anche gli altri obiettivi di carattere organizzativo previsti dal business plan 2016. Lo si apprende dalla nota diffusa oggi. Lo Ior ha consolidato e rafforzato la “governance” ed il sistema dei controlli interni: “Il principale miglioramento riguarda la definizione ed implementazione del ‘Risk Appetite Framework’, proseguendo sulla strada del continuo adeguamento al nuovo quadro regolamentare dell’Aif per ottenere coerenza con i migliori standard internazionali in materia”. Inoltre, il 15 ottobre 2016 è entrata in vigore la Convenzione fra il Governo della Repubblica Italiana e la Santa Sede in materia fiscale, prodromica all’inserimento della Santa Sede nella “white list” fiscale della Repubblica Italiana del 23 marzo 2017.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa