This content is available in English

Ccee: Conferenze episcopali d’Europa, i temi dell’incontro dei portavoce nazionali a Sofia. Nuovi media, Ue, Sinodo

Nuovi media e reti sociali, condivisione di esperienze e progetti nell’ambito della comunicazione, Sinodo dei giovani e vocazione, impegno della Chiesa per l’Europa: sono alcuni dei temi dell’incontro annuale degli addetti stampa e portavoce delle Conferenze episcopali d’Europa che si è svolto a Sofia (Bulgaria) dal 7 al 10 giugno su invito di mons. Christo Proykov, presidente della Conferenza episcopale interrituale della Bulgaria ed Esarca apostolico di Sofia. I 45 delegati provenienti da 25 Paesi europei “hanno anche potuto approfondire e apprezzare – segnala una nota Ccee – l’importante patrimonio culturale e l’eredità cristiana del Paese, visitare e incontrare il direttore dell’Agenzia nazionale bulgara, Maxim Minchev, e celebrare l’Eucaristia con la comunità locale. In Bulgaria, la Chiesa cattolica è rappresentata tanto dalla comunità di rito latino che da quella di rito bizantino. “Per questa piccola comunità cattolica, particolarmente viva, le sfide rimangono comunque numerose”. La ricorrenza dei dieci anni dall’ingresso della Bulgaria nell’Unione europea ha poi fornito l’occasione “per una riflessione sullo stato dell’Unione e le sfide sociali, politiche, economiche e culturali che attraversa l’intero continente europeo”.
In questo compito, i portavoce sono stati aiutati dai contributi di mons. Paolo Rudelli, Osservatore permanente della Santa Sede al Consiglio d’Europa, e di padre Olivier Poquillon, segretario generale della Comece. “La passione della Chiesa per questo progetto di pace e di sviluppo, ossia per questa comunità di destino, che l’Unione europea è chiamata a essere, si traduce – segnala il Ccee – in un accompagnamento costante e discreto dei lavori delle Istituzioni europee”. “Le numerose sfide che minacciano oggi la coesione e lo stesso progetto europeo, chiedono alle istituzioni europee un rinnovato sforzo nel ripensare le sue modalità di lavoro cercando ispirazione nei grandi ideali”. Quale testimonianza della passione della Chiesa per l’Europa, i presidenti delle Conferenze episcopali in Europa si riuniranno alla fine di settembre a Minsk (Bielorussia), convocati dal Ccee, e tra i temi che affronteranno c’è quello della missione della Chiesa nell’odierno contesto del continente. Dal canto suo, la Comece – l’organismo ecclesiale che accompagna il lavoro dell’Unione europea – realizzerà, insieme alla Segreteria di Stato della Santa Sede, un Dialogo europeo intitolato “(Ri)-pensare l’Europa. Contributi cristiani per il futuro del progetto europeo” in programma in autunno (27-29 ottobre) a Roma.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa