Beatificazione Itala Mela: mons. Palletti (La Spezia), “la santità è la meta alla quale tutti dobbiamo giungere”

“Si possa realizzare per tutta nostra diocesi una nuova primavera di vita cristiana e di testimonianza fedele, a partire da quell’incontro con Dio e col Suo mistero di Comunione, che ha segnato così profondamente la vita e l’esperienza mistica di Itala Mela”. È l’auspicio espresso dal vescovo de La Spezia-Sarzana- Brugnato, mons. Luigi Ernesto Palletti, in occasione della beatificazione di Itala Mela avvenuta sabato. Per il vescovo, “nata, vissuta e morta alla Spezia, questa nostra sorella diviene per tutti un invito eloquente a riflettere come la santità sia la meta alla quale tutti dobbiamo giungere”. “Certamente ogni santo ha un suo particolare dono, ma la varietà delle figure di santità che la Chiesa ci propone nel corso dei secoli ci ricorda che non vi è situazione, condizione, tempo, nel quale, con la grazia di Dio, non si possa giungere a questa meta”, ha aggiunto mons. Palletti, secondo cui “celebrare dunque una nuova beata diviene un richiamo forte da parte di Dio alla nostra Chiesa locale, con il conseguente impegno personale, da parte di tutti, a prendere in seria considerazione il seguire Cristo Signore, riconoscendolo come unico Salvatore, a vivere con fedeltà la Sua Parola e immergerci in tal modo nel grande mistero del Suo Amore”. “Itala Mela ci ricorda che, se siamo stati battezzati nel nome del Padre, e del Figlio, e dello Spirito Santo, dobbiamo vivere immersi in questa presenza della Trinità, che tutto avvolge”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa