Settimane sociali: mons. Santoro (Taranto), “parleremo del lavoro che non c’è ma anche di buone pratiche”

“Durante le prossime settimane sociali – dice mons. Santoro – si parlerà di lavoro e avremo vari ‘registri’ come quello della denuncia, del lavoro che non c’è, del lavoro nero, della disoccupazione, delle ecomafie e delle agromafie e del problema del caporalato”. In occasione della sua partecipazione al convegno “Famiglia, giovani, lavoro”, promosso tra gli altri dal Forum famiglie pugliese e dal Progetto Policoro, oggi mons. Filippo Santoro, arcivescovo di Taranto e presidente della Commissione episcopale per i problemi sociali e il lavoro, la giustizia e la pace, ha anticipato quelli che saranno i temi della 48° Settimana Sociale che si svolgerà ad Ottobre a Cagliari: Problemi più che attuali e che investono soprattutto il Sud Italia e la popolazione giovanile. “Ma parleremo certamente anche di buone pratiche – conclude mons. Santoro – che già esistono anche in territori difficili e in deserti economici come il nostro. Qui ci sono piccole cooperative promosse grazie al Progetto Policoro. Ci sarà poi il racconto di un lavoro che sta cambiando con un’attenzione all’innovazione tecnologica con i suoi vantaggi e i suoi svantaggi. Con la cosiddetta economia 4.0 bisogna tener presente questo tipo di lavoro e non quello di venti trent’anni fa. Infine un desiderio di fare proposte al Parlamento, domande da fare alla politica in difesa del lavoro, della dignità della persona”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia