Lotta all’azzardo: Jesus, un’inchiesta sull’impegno dei cattolici

Un “culto idolatrico” che sta distruggendo milioni di famiglie nel mondo e un “cancro sociale”. Così Papa Francesco ha definito il “gioco d’azzardo”, che in Italia ha assunto dimensioni abnormi, arrivando a registrare un fatturato nel 2016 di 95,9 miliardi di euro, pari al 4,7% del prodotto interno lordo. Sul numero di giugno, Jesus pubblica un’inchiesta a firma di Emanuela Citterio e Gerolamo Fazzini sul ruolo giocato dalla Chiesa e dalle organizzazioni cattoliche negli ultimi dieci anni nel contrastare l’azzardo di massa tecnologico e diffuso capillarmente sul territorio.
“Grazie ai suoi terminali sul territorio (centri d’ascolto, parrocchie, associazioni anti-usura) – si legge in una nota -, la Chiesa è stata in grado fin da subito di intuire la portata devastante del fenomeno non solo per i singoli individui vittime di ludopatia, ma anche per i legami sociali e la convivenza civile. A partire dall’aiuto alle persone e alle famiglie, fino alle campagne di sensibilizzazione a livello nazionale, passando per alcuni media cattolici che hanno assunto posizioni coraggiose di denuncia, l’inchiesta fa luce sui diversi volti di una battaglia combattuta per riportare al centro dell’interesse – anche dello Stato – le persone e le relazioni, e spezzare le catene di un sistema basato sulla finanziarizzazione della vita umana”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia