Lavoro: Fim Cisl Lombardia, focus “Giovani, lavoro e rappresentanza”. Rosina (Un. Cattolica), “tutelare le nuove generazioni”

Presentato oggi pomeriggio a Milano il focus su “Giovani, lavoro e rappresentanza”, iniziativa che si inserisce nell’ambito del decimo Congresso di Fim Cisl Lombardia dal titolo “Generiamo futuro”. La ricerca, promossa dalla Fim Cisl Lombardia in collaborazione con l’Istituto Toniolo, è curata da Alessandro Rosina, professore di demografia all’Università Cattolica di Milano. Dal report emerge che i giovani temono un lavoro con modeste condizioni economiche, ma cercano un’occupazione che consenta loro di guadagnare abbastanza per non vivere alla giornata e progettare un proprio futuro (27,9%). Se tra i fattori di preoccupazione c’è la permanenza al lavoro delle generazioni più anziane (73%), il 70% dei giovani ritiene che il Governo, tramite politiche pubbliche, e le aziende, con i propri investimenti, possano allargare le possibilità di occupazione. “Oltre ai cambiamenti prodotti dall’innovazione tecnologica e dall’automazione, emerge una forte preoccupazione verso gli squilibri generazionali nel mercato del lavoro e nella spesa pubblica di un Paese che invecchia – ha spiegato Alessandro Rosina, curatore dell’indagine -. Tutto questo alimenta un’ampia domanda di rappresentanza nelle nuove generazioni”.
Secondo il docente, il sindacato può cogliere questa sfida “solo se mostra di essere non solo uno sportello di servizi e uno strumento per proteggere chi ha un posto di lavoro, ma soprattutto agendo in modo credibile per migliorare la condizione giovanile”. “L’obiettivo – ha concluso Rosina – è consentire una presenza solida delle nuove generazioni nei processi produttivi del sistema-Paese”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia