Lavoro: Fim Cisl Lombardia, focus “Giovani, lavoro e rappresentanza”. Gli interventi di don Magnoni e Bentivogli. “Occupazione di cittadinanza”

“L’attuale sistema economico favorisce l’accumulo di risorse nelle mani di una élite super privilegiata, tra cui le grandi multinazionali, ai danni dei più poveri. Questo significa che il problema non sono le risorse, ma la loro distribuzione nel mondo. Occorre che queste superpotenze economiche riescano a ridistribuire i grandi capitali che possiedono. Ecco perché, ben più che un reddito di cittadinanza, occorre un’occupazione di cittadinanza. Perché il lavoro non significa solo retribuzione, ma è ciò che restituisce dignità delle persone”. Lo ha dichiarato il responsabile del Servizio per la pastorale sociale e del lavoro della diocesi di Milano, don Walter Magnoni, intervenendo questo pomeriggio a Milano nel corso della presentazione del focus “Giovani, lavoro e rappresentanza”, promossa dalla Fim Cisl Lombardia in collaborazione con l’Istituto Toniolo. “In Italia abbiamo già visto cosa significa il cambiamento delle condizioni di lavoro sull’impatto delle persone”, ha aggiunto don Magnoni. “Davanti a questa situazione, è ormai chiaro che il mondo del lavoro non sta cambiando. È già cambiato da un pezzo”.
Nel corso dell’incontro di oggi pomeriggio, moderato dal direttore del quotidiano digitale Linkiesta, Francesco Cancellato, ha preso la parola anche il segretario generale nazionale Fim Cisl, Marco Bentivogli. “C’è ancora una grande attesa verso il mondo dei sindacati, soprattutto da parte delle nuove generazioni – ha commentato Bentivogli –. Il sindacato sta perdendo appeal e per rimediare a questa situazione deve tornare a coinvolgere i giovani, garantendo loro un maggiore protagonismo nel nostro Paese”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia