Papa Francesco: “l’eredità viva dei martiri dona oggi a noi pace e unità”

Roma, 22 aprile: Papa Francesco all’Isola Tiberina celebra la Liturgia della Parola in memoria dei “Nuovi Martiri”

“Ricordare questi testimoni della fede e pregare in questo luogo è un grande dono”. Così Papa Francesco si è avviato a concludere la sua omelia nella “preghiera per i nuovi martiri”, nella basilica di San Bartolomeo all’Isola Tiberina a Roma. Infatti, ha osservato il Pontefice, “l’eredità viva dei martiri dona oggi a noi pace e unità. Essi ci insegnano che, con la forza dell’amore, con la mitezza, si può lottare contro la prepotenza, la violenza, la guerra e si può realizzare con pazienza la pace”. Di qui l’invito a pregare così: “O Signore, rendici degni testimoni del Vangelo e del tuo amore; effondi la tua misericordia sull’umanità; rinnova la tua Chiesa, proteggi i cristiani perseguitati, concedi presto la pace al mondo intero. A Te Signore la gloria e a noi, Signore, la vergogna”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori