Coldiretti: Festa della Liberazione, “ponte” del 25 aprile per un italiano su 5. Oltre 7 milioni “fuori porta”

“Più di un italiano su cinque (21%) ha scelto di fare il ponte anche prendendo un giorno di ferie in occasione della Festa della Liberazione per riposare a casa o con amici, distrarsi con gite in giornata ma anche approfittare per fare una breve vacanza”. È quanto emerge dall’analisi Coldiretti/Ixé che evidenzia l’impatto sui comportamenti del calendario favorevole e delle previsioni meteo positive. “Circa 7,5 milioni di italiani hanno deciso di trascorrere qualche giorno fuori casa ma a condizionare la scelta delle mete sono certamente – sottolinea la Coldiretti – il poco tempo disponibile, l’andamento climatico ed anche le preoccupazioni relative ai recenti eventi di terrorismo a livello internazionale che hanno spinto a rinunciare, anche all’ultimo momento, a destinazioni estere generalmente molto ambite in questo periodo dell’anno, al mare ma anche nelle grandi capitali europee”.
Più di nove vacanzieri su dieci hanno deciso – secondo Coldiretti – di restare in Italia con la maggioranza che ha scelto località di mare, ma gettonate sono anche la montagna e la campagna. “Una tendenza, quest’ultima, favorita sicuramente anche dalla voglia di molti di stare lontano dai luoghi affollati e più pericolosi”. Sono 1,2 milioni gli italiani e gli stranieri che – rileva la Coldiretti – “hanno scelto di sedersi a tavola in agriturismo durante il lungo ponte”. Rispetto allo scorso anno “si registra un importante aumento del 9% anche se pesa la situazione ancora difficile nelle aree terremotate tradizionalmente vocate per vacanze, picnic e gite fuori porta in campagna, grazie alla bellezza dei paesaggi e alla qualità dell’offerta gastronomica”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori