Consiglio europeo: Tajani (Parlamento Ue), “cambiare l’immagine di un’Europa astratta”. Rilanciare l’integrazione

(Bruxelles) “L’Europa è una storia di successo quando sa incarnare un sogno di progresso, prosperità, libertà e pace. Non credo che gli europei abbiamo perso la voglia di sognare. Sta a noi, oggi, cambiare l’immagine di un’Europa astratta, poco efficace, burocratica. Farli appassionare di nuovo ricreando quel senso di appartenenza a un grande progetto. È la migliore eredità che possiamo lasciare alle generazioni future”. Il presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani, ha tenuto nel pomeriggio un discorso all’incontro dei capi di Stato e di Governo riuniti a Bruxelles per il Consiglio europeo. Ampia la parte dell’intervento sull’Europa “più competitiva”, così come quelle sulla lotta alla disoccupazione, sul libero scambio. “Le istituzioni europee devono accelerare il completamento del grande cantiere del mercato unico; gli Stati membri devono attuare le riforme necessarie alla crescita”. Sulla difesa: “Oggi più che mai siamo chiamati a una maggiore senso di responsabilità collettivo per garantire la sicurezza e la difesa degli europei. Il Parlamento sostiene la realizzazione di un’industria e di un mercato europeo della difesa per sfruttare le economie di scala e promuovere l’interoperabilità e la ricerca comune”.
Sull’immigrazione Tajani ha affermato: “Non possiamo lasciare a trafficanti di esseri umani o terroristi la gestione dei flussi migratori. Serve una decisa iniziativa politica europea che, non soltanto rafforzi il controllo delle frontiere, ma affronti il problema alla radice. Per facilitare e accelerare i rimpatri e diminuire la pressione migratoria abbiamo bisogno di una robusta diplomazia politica, parlamentare, economica e culturale”. “Se vogliamo davvero governare un fenomeno epocale legato a crescita demografica, cambiamenti climatici, terrorismo, guerre e povertà, dobbiamo avere una strategia comune. I nostri sforzi sui Paesi della sponda sud del Mediterraneo e dell’Africa sub Sahariana – in particolare del Sahel – vanno intensificati”. Tajani si è poi complimentato con Donald Tusk, confermato presidente del Consiglio europeo per i prossimi due anni e mezzo. Quindi un appello finale, in conferenza stampa, a “rilanciare l’Europa”, “speranza per 500 milioni di cittadini europei”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia