Card. Bagnasco: la famiglia è “il primo antidoto sociale all’individualismo ingenuo e cinico”

Roma, 4 marzo 2017: il card. Angelo Bagnasco interviene all'assemblea del Forum delle associazioni familiari

“Portare alla società quel contributo all’umanizzazione che la luce della fede suscita nell’ambito della famiglia”. Con queste parole il cardinale Angelo Bagnasco, arcivescovo di Genova e presidente della Cei, parlando all’assemblea del Forum delle associazioni familiari in corso a Roma, ha sintetizzato il senso dell’atteggiamento della Chiesa all’interno di una società in cui “la famiglia è spesso disprezzata sul piano culturale e trascurata su quello sociale e politico”. Il presidente della Cei ha stigmatizzato quella “lettura manichea” che interpreta in termini di contrapposizione aggressiva ogni volta in cui la Chiesa entra nelle criticità delle vita sociale. Mentre lo stile è quello di una “pastorale positiva e missionaria”, capace di trasmettere il senso della bellezza della famiglia, e anche “quando si mettono in evidenza le difficoltà di un situazione, c’è già l’indicazione di una vita d’uscita”. Il card. Bagnasco ha affermato che “la famiglia è una risorsa e non un ostacolo alla modernizzazione”. Essa è “il primo antidoto sociale, l’unica alternativa praticabile all’individualismo ingenuo e cinico” che viene accreditato dalla cultura dominante. Il presidente della Cei si è soffermato a questo proposito sulla teoria del gender e sulle sue contraddizioni. “In certi casi si azzerano le differenze, in altri campi le differenze vengono assolutizzate e questo avviene perché dietro c’è un approccio ideologico e non la realtà così com’è”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori