Diocesi: Trapani, oggi la missione popolare ha raggiunto anche il carcere

“La cultura dell’incontro è un balsamo per le ferite dell’umanità di oggi e può cambiarci la vita se lo vogliamo: non servono grandi mezzi economici non conta la nostra condizione di vita, basta una relazione accogliente”. Con questo augurio del vescovo Pietro Maria Fragnelli è iniziato questa mattina in carcere, a Trapani, l’incontro tra i detenuti, le suore Apostole del Sacro Cuore, altre religiose che operano a Trapani, alcuni giovani dell’Oasi Gioia impegnati in questi giorni in una missione popolare a Trapani. “Stiamo imparando moltissimo in questi nostri incontri con tutte le persone che sono impedite come voi detenuti o come gli ammalati o gli immigrati nei centri – ha raccontato Marianna, studentessa di giurisprudenza –: c’è un tesoro di umanità che resta invisibile eppure capace di spiegare quali sono i veri problemi del presente e darci indicazioni sulla strada verso il futuro”. Ai ringraziamenti per aver portato “l’estate in queste stanze”, sono seguite le “raccomandazioni”: andare sempre avanti, non seguire strade sbagliate ma fidarsi della vita affidandosi a Dio che non delude mai, non smettere di amare. Infine, una preghiera recitata prendendosi per mano e la benedizione per tutte le famiglie. “Non ci nascondiamo dietro ad un dito: la situazione carceraria è difficile e le nostre vite sono piene di problemi ma possiamo accogliere e portare gli uni i pesi degli altri, costruire pazientemente, pezzo per pezzo, un nuovo tessuto sociale e relazionale , senza il quale non è possibile alcun vero cambiamento”, ha concluso il parroco della cattedrale, Gaspare Gruppuso. La missione popolare continuerà fino a tarda sera nella zona di via Garibaldi, nel centro storico. Domani la conclusione con un momento di verifica e la celebrazione eucaristica finale presieduta dal vescovo presso il seminario vescovile.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori