Diocesi: Perugia, verso la costituzione della “Fondazione Compignano” per tutelare e valorizzare il borgo medioevale

È stata siglata, a Perugia, la convenzione tra l’arcidiocesi di Perugia-Città della Pieve e privati benefattori che porterà alla costituzione della “Fondazione Compignano” a favore dell’omonimo borgo medioevale immerso nel verde delle colline di Marsciano (Pg). A sottoscrivere l’intesa sono stati l’arcivescovo diocesano, il cardinale Gualtiero Bassetti, e i coniugi Maria e Augusto Coli Versari alla presenza del direttore dell’Ufficio diocesano amministrativo, don Riccardo Pascolini, e del parroco di Compignano, don Mario Bini. Presieduta da Augusto Coli, la “Fondazione” – si legge in una nota – “avrà come sua finalità principale quella di gestire il patrimonio immobiliare di proprietà della Curia arcivescovile e della parrocchia di Compignano, i cui lavori di ristrutturazione e restauro sono finanziati dai coniugi Coli Versari in segno di amore e di riconoscenza verso la loro terra di origine”. “Si tratta di diversi edifici – spiegano dalla diocesi – in particolare l’antico complesso edilizio di tre piani della canonica poggiante su mura medioevali con l’originale campanile lesionato dal terremoto del 2009, le cui campane sono tornate a risuonare di recente grazie ai lavori di ristrutturazione finanziati dai signori Coli Versari”. Parte dei lavori sono già stati ultimati, mentre i restanti saranno ultimato dalla stessa “Fondazione”, così da favorire una maggiore aggregazione e ampliamento delle offerte socio-educative per gli adolescenti del luogo e le loro famiglie da parte del già attivo oratorio parrocchiale e circolo ricreativo Anspi.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori