Diocesi: Genova, sussidio di preghiera e una “bussola” della famiglia per vivere cristianamente

Un pieghevole, con una “proposta di preghiera in famiglia”, e una “bussola”, per un “orientamento per vivere cristianamente la famiglia secondo il progetto di Dio”: sono i materiali preparati dall’Ufficio diocesano per la pastorale familiare di Genova che verranno consegnati questa sera, nella cattedrale di San Lorenzo, in occasione della Veglia per la vita. “Carissima famiglia – scrive il cardinale Angelo Bagnasco presentando il sussidio di preghiera – mi rivolgo a te per suggerirti qualcosa che mi sta veramente a cuore. Ti chiedo di pregare”. Infatti, “una famiglia che prega non cadrà mai nella disperazione e troverà sempre il modo di rimanere salda”. Nel pieghevole si invitano le famiglie a “ritrovare o riscoprire il gusto di pregare”. Tra le indicazioni vi è quella di “cercare nella settimana trascorsa momenti o situazioni per cui dire ‘grazie’ al Signore e ai membri della famiglia”. Nella “bussola della famiglia”, poi, si ricorda che “il matrimonio non è uno schema imposto dalla società o da autorità esterne, ma un’esigenza naturale del patto d’amore, che pubblicamente la coppia afferma come unico ed esclusivo, indissolubile, fedele e fecondo, fondando così una famiglia. Il matrimonio non è perciò solo un fatto privato: è un bene anche per la società e per la comunità cristiana, che devono accompagnarlo e sostenerlo”. Inoltre, “che l’amore duri per sempre è un’esigenza profonda e insopprimibile, fa parte della nostra natura, anche se oggi sembra difficile realizzarla davvero; l’esperienza di molte coppie dimostra che è possibile”. Tra le altre annotazioni, si ricorda che “i figli hanno diritti, ma non sono un diritto”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori