Marcia per la pace: domani la 50ª edizione, da Calusco d’Adda a Sotto il Monte

La diocesi di Bergamo è pronta per accogliere la 50ª Marcia della pace che si terrà domani, domenica 31 dicembre 2017 da Calusco d’Adda a Sotto il Monte. L’iniziativa è promossa anche quest’anno da Commissione episcopale per i problemi sociali e il lavoro, la giustizia e la pace della Cei, Pax Christi Italia, Caritas Italiana e Azione Cattolica Italiana. “Quest’anno ricorre il cinquantesimo anniversario di questa marcia di fine anno – si legge in una nota – la cui prima edizione fu fatta proprio nella diocesi di Bergamo, a Sotto il Monte, paese natale del Santo Papa Giovanni XXIII. Ricorreva a quel tempo il quinto anniversario dell’Enciclica ‘Pacem in terris’, che era stata promulgata l’11 aprile 1962”. Per il vescovo di Bergamo, mons. Francesco Beschi, “si tratta di un dono che mi auguro raccolga non solo molte persone, ma diventi espressione di sentirsi popolo che abita le terre esistenziali dell’uomo fin nelle periferie della fragilità, diventi occasione di sostegno nell’impegno della vita cristiana, alla luce della testimonianza e della santità dell’indimenticato Pontefice, che torna oggi a consegnarci la responsabilità della pace nella società e dell’ecumenismo nella Chiesa, diventi momento per rivivere la pentecoste dello spirito del Concilio Vaticano II”. Domani, il ritrovo dei partecipanti alla marcia è fissato per le 16.30 presso la chiesa parrocchiale di Calusco d’Adda. Alle 17 l’avvio; previste quattro tappe lungo un cammino di circa 4 chilometri per raggiungere Sotto il Monte. Interverranno i vescovi Giovanni Ricchiuti, Luigi Bettazzi, Filippo Santoro e Carlo Redaelli, la pastora Lidia Maggi. In programma anche testimonianze tra cui quelle di Lisa Clark, di un rappresentante di “Beati i costruttori di pace” e di don Fabio Corazzina. Al termine della marcia, mons. Beschi presiederà la celebrazione eucaristica che sarà anche trasmessa dalle 22.30 su Tv2000. Chi intende partecipare alla marcia è invitato ad iscriversi compilando il modulo on line su www.congressibergamo.com.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori