Sport e disabilità: Fpicb, dieci tavoli per calcio balilla agli alluvionati dell’Emilia Romagna

Dieci nuovi tavoli da gioco per il calcio balilla, di cui ben 6 adatti a far giocare anche persone disabili. Un regalo di Natale diretto a chi, a causa dell’alluvione che nei giorni corsi ha colpito l’Emilia Romagna, ha perso tutto. A farlo sono state la Roberto Sport di Lessolo (Torino) e la Federazione paralimpica italiana calcio balilla (Fpicb) che hanno deciso di supportare la rinascita dell’associazione sportiva dilettantistica la Calcio Balilla Sport di Brescello, Comune in provincia di Reggio Emilia. Storica affiliata alla Federazione paralimpica, la Calcio Balilla Sport da anni svolge attività sportiva in tutta la regione e conta circa 400 giocatori tra i normodotati e 10 giocatori disabili. “Questo disastro ha rovinato tutti i calcio balilla dell’associazione, provocando un danno che ammonta a quasi 8mila euro”, spiega Francesco Bonanno, presidente della Federazione paralimpica, dopo un incidente sulla sedia a rotelle, pluricampione del mondo in questa disciplina e promotore di tanti progetti che utilizzano il calcio balilla come attività riabilitativa psico-motoria per disabili, per il recupero psicofisico da un trauma e per aiutare l’integrazione sociale. Il dono consiste in 4 tavoli da calcio balilla per bambini e 6 per adulti, questi ultimi adatti anche al gioco integrato, “pensati per far gareggiare anche persone su sedia a rotelle grazie a piedi allargati e ribassati”, aggiunge la famiglia Borettaz, titolare della Roberto sport. “La nostra associazione ha come obiettivo di portare un sorriso laddove non c’è. Stavolta, però, in un momento di grande difficoltà, sono stati altri a portare il sorriso nell’associazione”, dice Emilio Tondelli, collaboratore della Calcio Balilla Sport Brescello.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori