Politica estera: Pagnoncelli (Ipsos), “italiani più attenti agli scenari globali”. Prima “minaccia” l’economia

“I problemi legati all’economia sono ancora percepiti come la principale minaccia per il nostro Paese. Seppure in notevole calo dal 2014 (67%) l’economia continua a rappresentare la maggiore preoccupazione per un italiano su due. L’immigrazione si conferma al secondo posto tra i rischi per il nostro Paese, anche se stabile al 22%. Subisce invece un lieve rimbalzo il dato relativo al terrorismo come minaccia per l’Italia, nonostante la preoccupazione non sia paragonabile a quella del 2015, anno dei primi e più eclatanti attacchi in Europa da parte del terrorismo jihadista”. È una delle sottolineature che emergono dall’indagine sugli italiani e la politica estera presentata oggi da Ispi e Rainews e realizzata da Ipsos. Il sondaggio risponde ad alcuni interrogativi: quali sono le principali minacce per l’Italia? Quali sono stati gli avvenimenti più preoccupanti del 2017? Quali quelli che hanno dato più speranza? Qual è stato il personaggio più influente? Per Nando Pagnoncelli, presidente di Ipsos Italia, “l’ultimo anno ha visto crescere in maniera apprezzabile l’interesse degli italiani per le notizie internazionali. I grandi avvenimenti recenti, dalle sconfitte dell’Isis all’elezione di Trump a quella di Macron, hanno acuito l’attenzione dei nostri connazionali”.
Nel 2017 “più di un terzo degli italiani esprime interesse non episodico per la politica internazionale (+8% rispetto al 2014, +3% rispetto al 2016) mentre l’interesse generale per le notizie internazionali sale e raggiunge i livelli più alti, toccati nel 2015, l’anno delle stragi di Charlie Hebdo e del Bataclan, fino a coinvolgere complessivamente quasi la metà degli italiani. Un interesse piuttosto trasversale che fa registrare un crescente coinvolgimento anche da parte dei ceti popolari”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia