Argentina: negli auguri dei vescovi al presidente Macri la preoccupazione per la riforma previdenziale

In vista delle festività di Natale e Capodanno, i membri della Commissione esecutiva della Conferenza episcopale argentina (Cea) hanno reso ieri la rituale visita al presidente della Repubblica, Mauricio Macri, per il tradizionale saluto e gli auguri di fine anno. Nel corso dell’incontro, il presidente dell’episcopato argentino e vescovo di San Isidro, mons. Oscar Vicente Ojea, e i vicepresidenti card. Mario Poli e mons. Marcelo Colombo, insieme al segretario generale mons. Carlos Malfa, hanno colto l’occasione per esprimere al capo dello Stato le loro preoccupazioni per la discussa legge di riforma previdenziale che è stata approvata proprio ieri mattina alla Camera dei deputati, nel contesto di scontri ed estreme violenze, verificatesi fuori dal palazzo parlamentare tra le forze dell’ordine e i dimostranti che protestavano contro il provvedimento di origine governativa. In particolare, i vescovi hanno richiesto al presidente della Repubblica che “lo sforzo maggiore, data l’attuale situazione economica del Paese, sia compiuto da coloro che hanno di più”.
Si è appreso inoltre che i vescovi hanno insistito nel suggerire la necessità del dialogo quale unico cammino possibile nel rispetto delle istituzioni democratiche, le associazioni rappresentative della società civile e delle diverse comunità religiose.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia