Papa in Bangladesh: incontro con i vescovi, accompagnare giovani e famiglie

(Foto L'Osservatore Romano (www.photo.va) / SIR)

“In questi mesi di preparazione per la prossima assemblea del Sinodo dei vescovi, siamo tutti sollecitati a riflettere su come rendere meglio partecipi i nostri giovani della gioia, della verità e della bellezza della nostra fede”. Lo ha ricordato il Papa, che incontrando i vescovi del Bangladesh ha sottolineato come questo Paese sia stato “benedetto con vocazioni al sacerdozio e alla vita religiosa”: “È importante assicurare che i candidati siano ben preparati per comunicare le ricchezze della fede agli altri, particolarmente ai loro contemporanei. In uno spirito di comunione che unisce le generazioni, aiutateli a prendere in mano con gioia ed entusiasmo il lavoro che altri hanno iniziato, sapendo che essi stessi un giorno saranno chiamati a loro volta a trasmetterlo”. “Una notevole attività sociale della Chiesa in Bangladesh è diretta all’assistenza delle famiglie e, specificamente, all’impegno per la promozione delle donne”, il riconoscimento del Papa: “La gente di questo Paese è nota per il suo amore alla famiglia, per il suo senso di ospitalità, per il rispetto che mostra verso i genitori e i nonni e la cura verso gli anziani, gli infermi e i più indifesi. Questi valori sono confermati ed elevati dal Vangelo di Gesù Cristo”. Di qui la “speciale gratitudine” di Francesco “a tutti coloro che lavorano silenziosamente per sostenere le famiglie cristiane nella loro missione di dare quotidiana testimonianza all’amore riconciliante del Signore e nel far conoscere il suo potere di redenzione”. Come l’esortazione “Ecclesia in Asia” ha segnalato, “la famiglia non è semplicemente l’oggetto della cura pastorale della Chiesa, ma ne è anche uno degli agenti di evangelizzazione più efficaci”, ha sottolineato il Papa.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia