This content is available in English

Comece: “impegno credibile e a lungo termine” per il partenariato orientale

(Bruxelles) “Solo un impegno credibile e a lungo termine” nei confronti dei Paesi del partenariato orientale e dei loro cittadini, pur nella “diversità dei loro bisogni e aspirazioni, potrà portare alla prosperità e alla pace durature in Europa”. È l’osservazione che fa la Commissione degli episcopati della Comunità europea (Comece) all’indomani dell’incontro che si è svolto a Bruxelles il 24 novembre tra capi di Stato e politici dell’Ue con i loro omologhi dei sei nazioni dell’Europa orientale (Bielorussia, Ucraina, Moldavia, Georgia, Armenia e Azerbaijan). La Comece, con la sua osservazione, dà voce al “disappunto” espresso da alcuni partecipanti per “la mancanza di una visione a lungo termine chiara e ambiziosa, essendosi il vertice limitato a definire progetti concreti da raggiungere entro il 2020 in settori quali l’economia, la governance e lo stato di diritto, la connettività e la mobilità”. È comunque positivo che al vertice sia stata ribadita “l’importanza del coinvolgimento inclusivo di tutte le fasce della società come chiave per affrontare le sfide comuni alla sicurezza umana, alla pace e allo sviluppo sostenibile”, aggiunge la Comece. Circa gli sforzi per “rafforzare la resilienza” occorre includere un impegno per “responsabilizzare i giovani, le famiglie e le comunità locali a impegnarsi attivamente a tutti i livelli della vita economica, sociale e politica”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia