This content is available in English

Austria: Chiesa cattolica partecipa alla Giornata mondiale contro l’Aids. Card. Schönborn, stasera celebrazione in cattedrale a Vienna

Con diversi momenti di riflessione e manifestazioni ecclesiali, la Chiesa d’Austria partecipa ufficialmente alla Giornata mondiale contro l’Aids, in corso di celebrazione oggi. È il giorno in cui viene appuntato sui baveri delle giacche il “Fiocco rosso” ci ricorda che l’Hiv/Aids non è ancora stato sconfitto in tutto il mondo, e anche in Austria. La Giornata mondiale fu proclamata per la prima volta dall’Organizzazione mondiale della Sanità (Oms) nel 1988 e quest’anno ha come slogan “La mia salute, i miei diritti”, ponendo l’attenzione alla lotta contro la discriminazione: il fiocco rosso è un segnale contro l’esclusione e la stigmatizzazione delle persone colpite dalla malattia. Per la prima volta, oggi, si terrà nella cattedrale di Santo Stefano a Vienna una celebrazione appositamente progettata per la ricorrenza, a cui parteciperanno il cardinale Christoph Schönborn e Gery Keszler, presidente dell’associazione Life+ (lifeplus.org). La celebrazione inizierà alle 22.30, e sarà trasmessa anche dalla televisione di Stato Orf III e dalla radio della arcidiocesi viennese, Radio klassik Stephansdom: la messa sarà aperta a tutti i credenti e non, per ricordare i 36 milioni di morti nel mondo a causa dell’Aids e per manifestare contro ogni pregiudizio: “Celebriamo questa messa per pregare per coloro che sono morti di Aids, per confortare il lutto e per richiedere forza per chi è affetto da Hiv/Aids. La compassione è molto importante nel nostro tempo. E il dono è guardare attentamente e mostrare la volontà di imparare”, ha detto l’arcivescovo viennese in una dichiarazione di presentazione della celebrazione.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia