Salute: Bambino Gesù, una collaborazione con ospedale pediatrico cinese

Domani la presidente dell’Ospedale pediatrico Bambino Gesù, Mariella Enoc, sarà in Cina per la firma di una collaborazione tra l’Hebei Provincial Children’s Hospital di Shijiazuang, città a tre ore di auto da Pechino, e l’ospedale della Santa Sede. La convenzione prevede, tra l’altro, la formazione di medici cinesi per la prevenzione di malattie cardiocircolatorie dei bambini. “Si tratta soltanto della firma di questo protocollo in questa città che è il capoluogo della provincia di Hubei, cinque ore di macchina da Pechino, Shan zhuang – spiega Enoc in un’intervista a Radio Vaticana -. Questo è un ospedale pediatrico dove c’è un bisogno di formazione soprattutto sulla cardiochirurgia infantile e di uno studio sulle malattie genetiche. Quindi loro desiderano dare molto rilievo a questa collaborazione con l’ospedale della Santa Sede e quindi mi hanno chiesto di andare a firmare da loro questo protocollo; loro sono venuti già più volte qui all’Ospedale Bambino Gesù. Credo che sia un gesto a cui vogliono dare un particolare rilievo. Forse possiamo aiutare dei bambini; fino a questo momento, pur avendo possibilità di tecnologia, manca la formazione di alcune specialità mediche”.
“Da quello che ho potuto capire si stanno cominciando a curare i bambini in Cina in questo ospedale chiaramente pubblico, ma mancano ancora molte esperienze perché probabilmente la pediatria è cominciata abbastanza tardi – prosegue Enoc nell’intervista a Radio Vaticana -. Quindi sul capitale umano c’è bisogna di molta formazione. Poi ci hanno chiesto la cardiochirurgia, vorrebbero anche altre cose … Facciamo un passo per volta. Vado, vedo l’ospedale, firmo questo protocollo – tra l’altro già firmato -, diamo l’ufficialità e i nostri medici che vengono insieme a me rimangono lì a lavorare e a cominciare la formazione. Noi francamente quando scriviamo poi agiamo. Questo è già avvenuto in Siria; abbiamo già iniziato a lavorare nel Paese e molti bambini siriani stanno venendo da noi. I nostri medici sono lì; in questi giorni sono in Giordania per perfezionare l’accordo con Hamman. Cerchiamo di non parlare molto e di realizzare queste collaborazioni che penso abbiano un significato importante perché l’’ospedale del Papa’ viene chiamato così per la bravura dei suoi collaboratori. Sono molto contenta che venga chiamato l’’ospedale del Papa’”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori