Ecumenismo: mons. Juraj (ortodossi), “servire il prossimo su un terreno comune”

“Esprimo la mia gratitudine, a nome di tutta la Chiesa ortodossa della Slovacchia, per il dono di una reliquia così importante. Ringrazio il vescovo De Luca per la sua disponibilità e la sua testimonianza di fede cristiana”. Lo ha detto l’arcivescovo di Michalovce e Koŝice della Chiesa ortodossa, mons. Juraj, membro della Commissione per il dialogo teologico tra la Chiesa ortodossa e la Chiesa cattolica, in visita ieri a Termoli, dove ha incontrato il vescovo, mons. Gianfranco De Luca, che gli ha donato un frammento delle reliquie di San Timoteo, custodite in Cattedrale, come “segno della presenza di Dio attraverso i suoi Santi e della comunione cristiana”. “Questa visita rappresenta per me anche una grande benedizione di San Timoteo – ha aggiunto -. La nostra è una piccola arcidiocesi e ha caratteristiche simili a quella di Termoli – Larino. Ritengo che oggi la Chiesa abbia bisogno di vescovi che siano vicini alla gente seguendo l’esempio di San Timoteo e qui ho trovato una conferma. Tutto questo incoraggia anche un ecumenismo di popolo nelle relazioni, continuando a servire il prossimo su un terreno comune”. Al termine dell’incontro in episcopio, l’arcivescovo ortodosso ha visitato il museo e la mostra timoteana, curata da don Benito Giorgetta e da Cleofino Casolino che ha realizzato e donato all’arcivescovo una scultura in terracotta, che rappresenta la facciata della cattedrale di Termoli.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia