This content is available in English

Catalogna: vescovi spagnoli, rispetto delle minoranze, ma “ripristino dell’ordine costituzionale” e pace sociale

Conclusi i lavori dell’assemblea plenaria dei vescovi spagnoli (che si sono riuniti dal 20 al 24 novembre scorsi a Madrid), oggi in conferenza stampa il segretario generale e portavoce dei vescovi, don José María Gil Tamayo, ne ha presentato i risultati. La posizione dell’episcopato spagnolo riguardo alla situazione in Catalogna resta quella espressa dal cardinale presidente Ricardo Blázquez Pérez in apertura dell’assemblea, vale a dire una presa di distanza dalla “rottura” che si è consumata nelle settimane passate da parte del governo regionale e il sostegno al “ripristino dell’ordine costituzionale”. Il confronto in plenaria si è svolto in un clima di “fiducia e di serenità”, ha precisato Tamayo. La preoccupazione dei vescovi è che si salvaguardi la convivenza pacifica anche a livello sociale. Il “rispetto per le minoranze”, ha spiegato Tamayo, deve trovare un modo per esprimersi nel “rispetto della Costituzione che regola la convivenza”. La Chiesa, dal canto suo, “vuole portare avanti la sua missione di riconciliazione e di pace”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia