Diocesi: Cremona, presentato stasera il progetto “No spreco”

Stasera, alle 20.30, nella ex chiesa del Foppone, a Cremona, i 7 fondatori della neonata associazione “No Spreco A.p.s.” hanno presentato il Progetto “No spreco”. Risultati più che soddisfacenti dopo 7 mesi di sperimentazione nella parrocchia San Francesco d’Assisi, la prima parrocchia 2.0 della città a dotarsi di un’app due anni fa per comunicare meglio con i parrocchiani vicini e lontani. Dal 1° aprile 2017 la Caritas cremonese, in collaborazione con alcuni negozianti della città e attraverso l’app Smart City Center, ha sperimentato il progetto “No Spreco”. Agevolato dalla legge n. 116/16, “è stato possibile a raccogliere più di 500 kg di prodotti freschi, salvandoli dalla pattumiera, per un valore di mercato che si avvicina ai 3000 euro – si legge in una nota diffusa dalla diocesi -. 50 famiglie assistite delle volontarie della San Vincenzo dello Zaist, circa 200 persone tra cui anche molti bambini, hanno ricevuto, insieme al solito pacco alimentare con prodotti a lunga scadenza, anche carne, pesce, frutta, verdura, pane fresco, formaggi, latte, salumi, prodotti di gastronomia e prodotti di pasticceria”.
A livello pratico l’associazione “No Spreco” coordinerà il recupero e la ridistribuzione delle eccedenze, servendosi della collaborazione di diverse associazioni, di una e-bike cargo, di soci sostenitori e soprattutto della partecipazione di negozianti e ristoratori. L’obiettivo è “fare rete con le diverse realtà del territorio”. I cremonesi da alcuni mesi stanno utilizzando una nuova app, ideata dalla start up Smart City Center per raggiungere due obiettivi. Il primo è “far scoprire ai cremonesi cosa si trova ‘dietro l’angolo’”, mettendo “in contatto chi offre e chi cerca. Prodotti, servizi, notizie ed eventi. L’app è suddivisa in numerose piccole vetrine virtuali con cui si dà visibilità non solo ai commercianti, ai ristoratori e ai professionisti, ma anche alle associazioni sportive e culturali, alle onlus e alle parrocchie”. Il secondo obiettivo consiste “nel recupero e nella ridistribuzione delle eccedenze alimentari freschi”.
La piattaforma informativa Smart City Center è un’app che si scarica gratuitamente sullo smartphone, il cui tratto distintivo è la notifica, in grado di raggiungere un gran numero di persone senza che si debba comunicare il proprio indirizzo email o numero di telefono. Gli utenti ricevono messaggi con sconti-fine-giornata e i commercianti comunicano, questa volta sola agli operatori “No Spreco”, le donazioni da ritirare dopo la chiusura. Un operatore di “No Spreco” ritira le donazioni e le porta immediatamente nella parrocchia che collabora con l’Associazione.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori