Giornata infanzia: Unicef, “180 milioni di bambini affrontano prospettive peggiori rispetto ai loro genitori”

Nonostante i progressi raggiunti a livello globale, 1 bambino su 12 nel mondo vive in Paesi in cui le sue prospettive attuali sono peggiori rispetto a quelle che avevano i suoi genitori. È quanto emerge da un nuovo studio dell’Unicef, realizzato in occasione della Giornata mondiale dell’infanzia, che mette in evidenza come “180 milioni di bambini vivono in 37 Paesi in cui, rispetto a 20 anni fa, hanno maggiori probabilità di vivere in povertà estrema, non andare a scuola o morire in modo violento”. Inoltre, “la percentuale di persone che vivono con meno di 1,90 dollari al giorno è aumentata in 14 Paesi, fra cui Benin, Camerun, Madagascar, Zambia e Zimbabwe” per via di “disordini, conflitti o a una cattiva governance”. A ciò si aggiunge il fatto che “le morti per cause violente fra i bambini e gli adolescenti sotto i 19 anni sono aumentate in 7 Paesi”. Si tratta di Repubblica Centrafricana, Iraq, Libia, Sud Sudan, Siria, Ucraina e Yemen: “Tutti Paesi – osserva l’Unicef – che stanno attraversando grandi conflitti”. Secondo Laurence Chandy, direttore dell’Unicef per il dipartimento Dati, ricerca e politiche, “la speranza di ogni genitore, ovunque nel mondo, è di dare ai loro bambini maggiori opportunità rispetto a quelle che hanno avuto loro da giovani. In questa Giornata mondiale dell’infanzia dobbiamo prendere coscienza di quanti bambini stiano invece vedendo le loro opportunità restringersi e le loro prospettive diminuire”. L’Unicef ha anche realizzato un sondaggio, in collaborazione con Kantar e Lightspeed, coinvolgendo oltre 11mila bambini fra i 9 e i 18 anni in 14 Paesi. I dati mettono in luce che “il 73% dei bambini in Africa meridionale e il 71% nel Regno Unito hanno riportato di sentire che le loro voci non vengono per niente ascoltate” mentre “circa la metà dei bambini (45%) in 14 Paesi non confidano nel fatto che gli adulti del loro Paese e i leader mondiali prendano decisioni positive per i bambini”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo