Avvenire: la prima pagina di domani 3 novembre. Arresto del governo indipendentista catalano, diseguaglianze di genere, Papa a Nettuno e Fosse Ardeatine

“Avvenire” dedica il suo titolo di apertura all’arresto del governo indipendentista catalano destituito, mentre il presidente Puigmenont resta all’estero e la gente scende in piazza a Barcellona. L’editoriale è a firma di Alessandra Smerilli, religiosa ed economista, sul tema delle diseguaglianze di genere: “Duecentodiciassette anni. È questo il tempo che secondo il World Economic Forum sarà necessario per colmare il divario retributivo tra uomini e donne. In un quadro di peggioramento globale, l’Italia precipita ben oltre la media all’82mo posto, passando dal 41mo posto del 2015 e dal 50mo del 2016, su 144 Paesi. E se ci concentriamo sulle sole differenze retributive, siamo addirittura il 126° Paese. Certo, se prendiamo come punto di riferimento il mondo dove alle donne non era consentito lavorare se non dentro casa, di passi avanti ne abbiamo fatti molti. Ma non abbastanza, soprattutto sul piano culturale. Assistiamo difatti, ad una sorta di ‘dissonanza cognitiva sociale’ tra i principi dichiarati e i fatti concreti. Mentre proclamiamo la pari dignità e il diritto alle pari opportunità, non creiamo le condizioni per realizzazione effettiva di questi principi”. La fotocronaca è per Papa Francesco che si è recato in visita al cimitero americano di Nettuno e poi alle Fosse Ardeatine, con il forte messaggio: “Mai più la guerra”. A centro pagina, un titolo per il varo, da parte del Consiglio dei ministri, della nuova normativa sulle intercettazioni nelle inchieste giudiziarie: i resoconti non potranno più essere pubblicati per intero. Tra i temi di “Avvenire”, un’inchiesta sulla riscoperta della propria storia da parte delle monarchie arabe del Golfo e un commento dei giuslavoristi Tiraboschi e Seghezzi sugli incentivi all’occupazione.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia