Diocesi: Lecce, una settimana di iniziative prima del saluto finale a mons. D’Ambrosio

Manca poco più di una settimana al saluto finale alla comunità diocesana che l’arcivescovo D’Ambrosio ha fissato per sabato 25 novembre alle 18 in cattedrale. Intanto, dopo che il presule ha salutato con alcuni momenti celebrativi le vicarie della diocesi, si susseguiranno nei prossimi giorni le iniziative organizzate per manifestargli gratitudine e riconoscenza per il ministero che a Lecce ha avuto inizio nel luglio del 2009.
Oggi, alle 10 presso il Monastero delle Benedettine in Lecce, il vescovo di Albano, mons. Marcello Semeraro, presenterà “Per amore del mio popolo”, opera in tre volumi edita da Milella che raccoglie tutti gli scritti “leccesi” di mons. D’Ambrosio. Il primo dei tre volumi ospita alcuni contributi teologico-pastorali con saggi di Marcello Semeraro per l’appunto, Pierino Liquori, Luigi Manca, Tony Bergamo, Luciana Mele, Fulvio De Giorgi e Giovanni Invitto. Si tratta di riflessioni sul magistero e l’opera dell’arcivescovo negli otto anni alla guida della diocesi di Lecce. Gli altri due tomi raccolgono invece le Lettere pastorali, i messaggi alla città in occasione della festa dei santi patroni e una lunga serie di interventi attraverso i quali D’Ambrosio si è fatto voce anche in difesa dei deboli e ha offerto il suo prezioso contributo anche in alcune “spinose” questioni sociali del territorio. L’opera fa parte della collana “Teologia in dialogo” dell’Istituto superiore di scienze religiose “Don Tonino Bello” di Lecce.
Nelle messe festive di stasera e di domenica, in tutte le parrocchie verrà distribuito uno due numeri speciali (il secondo è in preparazione in vista dell’ingresso del nuovo arcivescovo Michele Seccia previsto per il 2 dicembre) de “L’Ora del Salento”, l’organo di stampa ufficiale della diocesi. 64 pagine tutte a colori in formato magazine. Esso presenta a grandi linee il ministero episcopale di D’Ambrosio a Lecce. L’arcivescovo per l’occasione ha anche rilasciato a Vincenzo Paticchio una lunga intervista nella quale racconta e tira le somme del suo servizio nel Salento.
Martedì 21 novembre alle 18 a Squinzano presso il Centro polivalente di via Cellino riceverà la cittadinanza onoraria da parte del Consiglio comunale. È il settimo comune della diocesi che gli riserva questo riconoscimento: prima di Squinzano anche i comuni di Lecce, Torchiarolo, Trepuzzi, Novoli, Cavallino e Vernole lo hanno voluto come proprio illustre cittadino. Infine, sabato 25 novembre alle 18 in cattedrale, D’Ambrosio presiederà una grande concelebrazione eucaristica cui prenderanno parte tutti i sacerdoti e i rappresentanti delle comunità parrocchiali. Mons. D’Ambrosio si trasferirà a San Giovanni Rotondo, dove risiederà da vescovo emerito, nella giornata di domenica 26 novembre.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa