Cina: Gentiloni, “il mondo intero ha interesse a un’evoluzione positiva delle trasformazioni cinesi”

“Il mondo intero ha interesse a un’evoluzione positiva delle trasformazioni cinesi. Una Cina più riformata, stabile e prospera può contribuire in modo più equilibrato alla crescita mondiale”. Lo ha affermato questa sera il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, intervenendo, a Roma, nella sede de “La Civiltà Cattolica”, alla presentazione del libro “Nell’anima della Cina. Saggezza, storia, fede” curato da padre Antonio Spadaro. Gentiloni ha osservato che “riuscire a creare canali di dialogo e confronto con la Cina è una sfida che ha attraversato la storia”. “La geografia – ha aggiunto – ha tenuto per lungo tempo separati Europa e Asia e quando i continenti si sono incontrati hanno fatto fatica a capirsi”. Il presidente del Consiglio ha anche ricordato il ruolo di Matteo Ricci e dei padri gesuiti italiani che “furono capaci di portare la Cina nel nostro mondo. Allora l’Italia fu protagonista dell’avvicinamento di due mondi. Uno straordinario servizio di ‘soft power’ che si riallaccia a quella che è la nostra vocazione e propensione al dialogo”. “Italia e Cina – ha aggiunto – sono due mondi che si riconoscono e che non cercano di imporre valori ed egemonia”. Gentiloni ha anche rilevato che “la presentazione di questo libro coincide con un momento storico per la Repubblica popolare cinese. Il 19° congresso non è stato come gli altri. Due aspetti colpiscono: una chiara prospettiva storica e una chiara visione del futuro”. “Per Hi Jinping – ha spiegato – la Cina andrà lontano perché viene da lontano”. Gentiloni ha ribadito che “l’Italia ha scommesso sull’evoluzione positiva delle trasformazioni cinesi” evidenziando che “la Via della seta apre grandi spazi di opportunità per il nostro Paese e per i nostri porti” così come sul fronte “connettività” è “importante che ci sia sinergia tra progetti realizzati in Asia e quelli realizzati in Europa”. Di fronte alla “tensione comune verso l’esigenza di creare nuovi spazi di opportunità in questa fase storica”, è di “particolare interesse il dialogo promosso dal Papa”. “Italia e Cina – ha concluso – hanno uno straordinario patrimonio di storia su cui far prosperare i loro rapporti”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa