XVII Colloquio di Teologia morale: mons. Giuliodori (Univ. Cattolica), “nella società attuale occorre soffermarsi sul tema della legge e del suo fondamento”

“In una società come quella attuale è necessario soffermarsi sul tema della legge e del suo fondamento. La legge è uno degli aspetti più regolativi della convivenza civile, dal momento che si inserisce nel vissuto quotidiano delle persone, delle comunità e dei popoli di tutto il mondo. Si tratta di un tema che abbraccia gran parte della storia e che ha una dimensione imprescindibile legata all’aspetto religioso, compreso il quadro biblico e tutte le sue variabili. Ma possiede anche una dimensione antropologica che non bisogna ignorare, poiché è connessa alla centralità della persona”. Lo ha detto, mons. Claudio Giuliodori, assistente ecclesiastico generale dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, aprendo questa mattina a Roma i lavori del XVII Colloquio di Teologia morale. Il convegno, in corso di svolgimento sia oggi che domani nella sede del Pontificio Istituto Giovanni Paolo II per gli studi sul matrimonio e famiglia, ha visto la partecipazione di numerosi esperti, personalità religiose e accademiche che si sono confrontate sul tema de “L’intelligenza d’amore: una nuova epistemologia morale oltre la dialettica tra norma e caso”. Il colloquio, a cui hanno preso parte, tra gli altri, il preside del Pontificio Istituto Giovanni Paolo II, mons. Pierangelo Sequeri, mons. Livio Melina, e Berthold Wald, è stato promosso dall’area internazionale di Ricerca in teologia morale (Airtim).

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia