This content is available in English

Papa Francesco: a Cop23, “mantenere alta la collaborazione” mostrata con l’Accordo di Parigi

“Mantenere alta la collaborazione” mostrata con l’Accordo di Parigi. È l’invito rivolto dal Papa, in un messaggio inviato alla 23ª sessione della Conferenza degli Stati Parte alla convenzione-quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (Cop 23), in corso a Bonn fino a domani. “Poco meno di due anni fa la comunità internazionale si trovava riunita all’interno di questo foro dell’Unfccc, con gran parte dei suoi massimi rappresentanti governativi, e dopo un lungo e complesso dibattito è giunta all’adozione dello storico Accordo di Parigi”, ha esordito Francesco, ricordando come quest’ultimo “ha visto il raggiungimento di un consenso sulla necessità di avviare una strategia condivisa per contrastare uno dei fenomeni più preoccupanti che la nostra umanità sta vivendo: il cambiamento climatico. La volontà di dar seguito a questo consenso è stata poi rimarcata dalla velocità con la quale lo stesso Accordo di Parigi è entrato in vigore, dopo meno di un anno dalla sua adozione”. “L’Accordo – ha sottolineato il Papa – indica un chiaro percorso di transizione verso un modello di sviluppo economico a basso o nullo consumo di carbonio, incoraggiando alla solidarietà e facendo leva sui forti legami esistenti tra la lotta al cambiamento climatico e quella alla povertà. Tale transizione viene poi ulteriormente sollecitata dall’urgenza climatica che richiede maggiore impegno da parte dei Paesi, alcuni dei quali dovranno cercare di assumere il ruolo di guida di tale transizione, avendo ben a cuore le necessità delle popolazioni più vulnerabili”. “In questi giorni siete riuniti a Bonn, per portare avanti un’altra fase importante dell’Accordo di Parigi”, il riferimento all’attualità: “Il processo di definizione e costruzione di linee guida, regole e meccanismi istituzionali affinché esso sia realmente efficace e in grado di contribuire al conseguimento degli obiettivi complessi che si propone. In un siffatto percorso è necessario mantenere alta la volontà di collaborazione”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo