This content is available in English

Giornata mondiale poveri: in Inghilterra e Galles incontri, preghiere, gesti di accoglienza

Louise è stata aiutata dai servizi sociali per anni, entrando e uscendo da droga, prostituzione e alcol, fino a che ha trovato “The well”, un centro per donne in difficoltà a Sheffield, gestito dalla Chiesa battista. Una casa calda, cibo e vestiti puliti e soprattutto tanto amore, anziché – racconta – freddezza e distanza, l’hanno convinta che ce la potesse fare e oggi ha un appartamento e sta cercando lavoro. La sua è una delle storie proposte alle parrocchie cattoliche di Inghilterra e Galles come spunto per omelie, oppure incontri, in occasione della Giornata mondiale dei poveri di domenica 19 novembre. “Insieme a Caritas Social Action” (csan.org.uk), “l’agenzia della Conferenza episcopale di Inghilterra e Galles che opera al servizio dei più poveri, e alla Società di San Vincenzo de’ Paoli, abbiamo preparato preghiere che possono essere utilizzate per organizzare momenti di spiritualità oppure suggerimenti per le prediche dei parroci”, spiega Nana Anto-Awuakye, portavoce di “Cafod” (cafod.org.uk), la charity della Conferenza episcopale cattolica. “Esiste anche un audio sul nostro sito, che può essere usato dalle varie associazioni, oppure in incontri nelle sale parrocchiali dopo la messa o anche durante la liturgia dei bambini”. I vescovi di Inghilterra e Galles incoraggiano le parrocchie a far partecipare ai loro incontri persone ai margini della società “evitando, però, di farle sentire diverse o escluse”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo