Diocesi: Modena-Nonantola, domani il secondo incontro di Pastorale della salute dedicato alla vicenda di Charlie Gard

Domani il secondo incontro di Pastorale della salute dell’arcidiocesi di Modena-Nonantola sarà dedicato alla vicenda che ha avuto per protagonista il piccolo Chrlie Gard e i suoi genitori. L’appuntamento è domani sera alle 21 al Centro Famiglia di Nazareth. “L’incontro – si legge in una nota – è dedicato alla vicenda di Charlie perché ci sollecita alcune domande, che saranno poste ai relatori”, Nicola Guaraldi, pediatra ed esperto in cure palliative, Gabriele Semprebon, bioeticista, e Carlo Cantini, diacono. “Qual è il diritto dei genitori alla cura dei propri figli? Qual è il diritto dei sanitari e dello stato di negare ai genitori cure anche sperimentali? Qual è il diritto di negare che le cure palliative avvengano nella propria casa, come richiesto dai genitori, invece che all’ospedale – perché, come ha detto il card. Gualtiero Bassetti, forse c’è qualcosa di più della ragionevolezza giuridica e clinica?”: sono tra le domande a cui si cerceherà di rispondere domani.
“La vicenda – prosegue la nota – ci fa poi riflettere sull’assistenza ai bambini con malattie gravissime: il ruolo delle terapie per curare la malattia, il ruolo dell’assistenza amorevole e delle cure palliative per sostenere il piccolo paziente e la sua famiglia e aiutarla a trascorrere tempo prezioso con lui”.
Nell’anno che l’arcidiocesi di Modena-Nonantola dedica alla revisione delle parrocchie, “la vicenda di Charlie ci ricorda ancora una volta la necessità che la comunità sia vicino ai suoi piccoli e ai suoi poveri, ai bambini ammalati e alle loro famiglie”. Di qui ulteriori interrogativi: “Ci ricordiamo che nella nostra parrocchia ci sono bambini ammalati gravemente e famiglie che soffrono per questo? Quale attenzione dedichiamo loro, quali servizi, sotto l’impulso dei diaconi della parrocchia, come richiesto dal nostro vescovo?”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo