Avvenire: la prima pagina di domani 17 novembre. Papa su eutanasia e cure sproporzionate, protesta richiedenti asilo, revisione regole del Trattato di Dublino

“No all’accanimento e no all’ineguaglianze”. E’ il monito del Papa all’Accademia per la vita ad aprire la prima pagina di “Avvenire” di domani. Francesco ha infatti ribadito il no all’eutanasia e alle cure sproporzionate, sottolineando anche il problema delle disparità economiche e sociali nell’accesso alle cure. Sul tema anche l’editoriale di Giuseppe Anzani che, a proposito della legge sul biotestamento, su cui “non v’è uniformità di giudizi; ma ciò che è imperfetto potrebbe essere migliorato, corretto, reso adeguato, invece che accantonato senza fine. L’etica è una guida preziosa per esprimere il bene, non per tacerlo; preziosa ed esigente, perché vuole che sia il bene. Ci proviamo? C’è spazio, nella riflessione giuridica, per un briciolo di quel lievito, di cui parla il Papa? Un po’ d’amore, ognuno come gli è proprio. E di giustizia”. Una fotocronaca dà conto della protesta di un centinaio di richiedenti asilo in marcia verso Venezia contro la mala-accoglienza e il voto del Parlamento europeo per la revisione delle regole del Trattato di Dublino. Richiami infine sulla maxi-asta del quadro di Leonardo Cristo Salvator mundi e sulla conclusione della Cop23 sul clima con scarsi risultati.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo