Università Cattolica: mons. Giuliodori (assistente), “interpellati” da Sinodo giovani. Coniugare innovazione e solidarietà

“La nostra istituzione accademica, che ha tra le sue principali finalità la formazione delle nuove generazioni, si sente fortemente interpellata” dal Sinodo dei giovani “che il Santo Padre Francesco ha voluto per affrontare le complesse problematiche che segnano oggi la realtà giovanile, ma soprattutto per ascoltare i giovani e per aiutarli a diventare protagonisti del futuro della Chiesa e della società”. Esordisce così mons. Claudio Giuliodori, assistente ecclesiastico generale dell’Università Cattolica, nel suo saluto al card. Lorenzo Baldisseri, segretario generale del Sinodo dei vescovi, pronunciato all’inizio della celebrazione eucaristica presieduta dal porporato nella chiesa centrale della sede romana dell’Ateneo per l’inaugurazione dell’anno accademico 2017-2018. Giuliodori spiega che molte sono le iniziative già svolte dall’Ateneo alla luce del documento preparatorio del Sinodo e altre sono in corso sia a livello di studio e di ricerca sia dal punto di vista formativo e pastorale. “Sentiamo con tutta la comunità ecclesiale – afferma – la necessità e l’urgenza di rinnovare il nostro impegno a servizio delle nuove generazioni affinché sappiano affrontare i progressi della scienza e le innovazioni tecnologiche, soprattutto nell’ambito della medicina e delle professioni sanitarie, con quella sapienza che è il frutto di una qualificata formazione e di una visione ispirata ai grandi valori della tradizione cristiana”. “Coniugare innovazione scientifica e solidarietà umana – conclude Giuliodori – è la sfida che ogni giorno affrontiamo sia nella formazione dei nuovi medici sia nell’attività assistenziale”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia