Diocesi: Perugia-Città della Pieve, con “Sosteniamo il lavoro” 20 borse lavoro per 14 giovani e 6 adulti in cerca di occupazione

Sono 20 le borse lavoro per giovani e adulti in cerca di occupazione messe a disposizione del progetto “Sosteniamo il lavoro” attivo nella diocesi di Perugia-Città della Pieve. Si tratta di un’iniziativa co-finanziata dalla Cei (8xmille), nata da una sinergia tra Caritas e Uffici diocesani per le pastorali giovanile e problemi sociali e il lavoro e realizzato in collaborazione con la Gi Group spa, una realtà multinazionale con agenzie di collocamento al lavoro in tutt’Italia e all’estero, e alcune aziende del territorio. Il progetto “di alto valore sociale – spiegano i promotori – si ripeterà per due anni e consiste nell’assegnazione di 20 borse lavoro da circa 550 euro netti mensili, per un periodo di tirocinio di 6 mesi, con l’auspicio che le borse lavoro possano trasformarsi in un lavoro duraturo”. La selezione per la loro assegnazione (14 riservate a giovani e 6 ad adulti) è avvenuta nel mese di ottobre e ha riguardato 50 candidati (34 giovani e 16 adulti) individuati tra coloro che si sono rivolti alla rete Caritas. “La perdita di lavoro o il non lavoro – aggiungono i promotori del progetto – porta non soltanto ad una perdita di dignità, ma a tutta una serie di riflessi con conseguenze disastrose per la nostra società. Dall’impossibilità di formarsi una famiglia, di mettere al mondo dei figli, alla dipendenza a lungo dai genitori”. Ecco perché uno degli obiettivi del progetto è “costruire un servizio di accompagnamento all’autonomia delle persone attraverso l’attivazione di percorsi formativi professionalizzanti e/o di avvio all’impiego”. “Sosteniamo il lavoro” si avvale anche di una campagna di donazioni liberali (Iban: IT74D0570403000000000161500) che vengono raccolte dalla Fondazione di Carità San Lorenzo di Perugia.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia