Povertà in Europa: Caritas, poveri 3 giovani su 10. È allarme sul nuovo fenomeno dei “Sinkies”

Tre giovani su 10 in Europa vivono in condizioni di povertà o a rischio povertà. In più oggi si sta verificando un nuovo fenomeno, che Caritas Europa ha ribattezzato i “Sinkies” (Single income, no kids), ossia le giovani coppie, entrambi “working-poor”, che pur lavorando in due a malapena guadagnano quanto un singolo stipendio e perciò non possono permettersi di mantenere dei figli. È quanto emerge dai primi dati sulla povertà giovanile nell’ambito di una ricerca condotta in 17 Paesi europei da Caritas Europa, i cui risultati saranno presentati il 16 novembre a Gothenburg, in Svezia. Il termine coniato dai ricercatori è in opposizione a “dinkies”, che veniva usato negli anni ’80 per indicare le coppie con due salari che sceglievano di non avere figli. I “sinkies” attuali, invece,  “vorrebbero avere figli ma non possono permetterselo”. Questo nuovo fenomeno sociale, denuncia Caritas Europa, avrà “un impatto devastante sulla demografia europea e, di conseguenza, sul futuro sociale ed economico”. “Questa generazione – afferma Jorge Nuño Mayer, segretario generale di Caritas Europa – rischia di essere la prima, nella storia moderna, che vivrà in condizioni peggiori della precedente”. Caritas Europa chiede perciò ai governi europei di “implementare con urgenza i principi del Pilastro europeo dei diritti sociali (European Pillar of social rights) per affrontare in maniera efficiente la povertà giovanile”. L’intera ricerca nei 17 Paesi sara disponibile a febbraio 2018.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo