This content is available in English

Cop23: messaggio del Patriarca Bartolomeo, appello perché “governi intensifichino i loro sforzi” per salvare il pianeta

Un appello “alle comunità e ai leader di tutte le fedi religiose” perché “possono fare una enorme differenza per convincere governi e corporazioni ad amplificare ed intensificare i loro sforzi”, per salvare il pianeta terra. A lanciarlo è il Patriarca ecumenico di Costantinopoli, Bartolomeo I, alla 23ª Conferenza Onu sui cambiamenti climatici (Cop23) che si è aperta lunedì 6 novembre a Bonn e si concluderà il 17 novembre.
“Sebbene molti riconoscono che il cambiamento climatico sta oggi causando la più grave crisi che l’umanità abbia mai affrontato – scrive il patriarca in un messaggio al Summit – , c’è ancora molta resistenza ad ogni cambiamento. Si continuano a ignorare i segni del nostro tempo che sono senza precedenti: lo scioglimento dei ghiacciai, i comportamenti estremi del clima e il loro devastante impatto sul mondo dei più poveri”.
Da qui il monito di Bartolomeo, conosciuto come Patriarca “verde” per il suo inesauribile impegno a favore dell’ambiente che si è unito in questi anni a quello di papa Francesco: “È inaccettabile fare retromarcia. Ed è ingiustificabile prendere ancora tempo. Siamo tutti chiamati a proseguire il nostro impegno per salvaguardare la sacralità di ogni nostro fratello e sorella e l’unicità di ogni chicco di sabbia presente su questo pianeta che tutti chiamiamo casa”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo