Minori migranti: Save the Children, atto dimostrativo del Fronte Skinheads contro la sede di Milano. “Continueremo a lavorare con ancora maggiore determinazione”

La sede di Save the Children di Milano è stata vittima stamattina di un atto dimostrativo da parte dell’Associazione “Veneto Fronte Skinheads”, che ha affisso uno striscione che recita “Save the Children, Save the Business”. Lo rende noto una nota dell’organizzazione diffusa a poche ore dal fatto. L’azione è stata rivendicata proprio da “Veneto Fronte Skinheads”, che con un comunicato stampa ha spiegato che l’azione è legata in particolare agli interventi svolti da Save the Children a favore dei minori migranti. Save the Children, che ha già denunciato il fatto alle autorità competenti, “condanna duramente l’accaduto” e ribadisce ancora una volta il suo impegno per i bambini più vulnerabili. “Quello che è accaduto oggi è inaccettabile ed è solo l’ultimo di una serie di attacchi che stanno arrivando all’organizzazione – dichiara Valerio Neri, direttore generale di Save the Children Italia -. Siamo arrivati al paradosso per cui chi si occupa di salvare vite umane è diventato bersaglio dell’odio e della violenza”. “La nostra missione – precisa – resta quella di salvare i bambini in pericolo ovunque e comunque. Nonostante il clima che si è creato sia molto difficile, continueremo a lavorare con ancora maggiore determinazione, portando avanti tutti i nostri progetti per i minori in Italia e nel resto del mondo”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa