Coldiretti: in Piemonte “una stagione drammatica”. 98% di pioggia in meno rispetto alla media di ottobre

“Gli ultimi anomali incendi di autunno sono la punta dell’iceberg di una stagione drammatica con circa 140mila ettari di bosco andati a fuoco dall’inizio dell’anno, praticamente il triplo del 2016”. Lo afferma in una nota diffusa oggi la Coldiretti, commentando gli incendi che hanno colpito il Piemonte. A tutto ciò, prosegue, si aggiunge “una situazione di estrema siccità con la caduta nella regione del 98% di pioggia in meno rispetto alla media di ottobre”. Le precipitazioni sono state peraltro abbondantemente sotto la media in tutti i mesi del 2017. “Gli incendi che in Piemonte stanno minacciando pregiati vigneti e i castagni – spiega la Coldiretti –  hanno pesanti effetti dal punto di vista ambientale dovuti alla perdita di biodiversità (piante distrutte e animali uccisi) e alla distruzione di ampie aree di bosco che sono i polmoni verdi del Paese”. “Nelle foreste andate a fuoco – conclude – saranno impedite anche tutte le attività umane tradizionali del bosco e per ricostruirli ci vorranno almeno 15 anni”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa