Scuole paritarie: Fedeli (min. Istruzione), “valore importante. Stiamo facendo lavoro comune in contenitori differenti”

“Il valore della parità è particolarmente importante. Stiamo facendo un lavoro comune sulla stessa qualità di percorso formativo e riconoscimento titoli all’interno di contenitori differenti. Il pluralismo va inteso in questo modo”. Così Valeria Fedeli, ministra dell’Istruzione, intervenuta questo pomeriggio alla presentazione, presso la Camera dei deputati, del XIX Rapporto sulla scuola cattolica in Italia “Il valore della parità”, realizzato dal Centro studi per la scuola cattolica (Cssc). Prendendo la parola all’incontro moderato dal direttore dei Sir, Vincenzo Corrado, Fedeli osserva: “Abbiamo un tema comune: la scelta di occuparsi di educazione, istruzione e formazione permanente. Il nostro obiettivo comune è costruire nella società delle comunità educanti che hanno lo stesso obiettivo di trasmettere quella larga cultura di valori e di cittadinanza attiva che fa incrociare effettivamente con la costituzione italiana l’insieme delle possibilità del pluralismo educativo di questo Paese”. Nella Costituzione, spiega la ministra, “c’è un intreccio di articoli che dobbiamo insieme scegliere come tenere insieme, senza letture ideologiche”. Nel 2000 “è stato compiuto un passaggio fondamentale: la scuola pubblica è fatta sia a gestione statale, sia a gestione paritaria. Anch’io penso ci sia un’incompiuta. Diciassette anni dopo sono convinta che il tema non siano solo le risorse anche se una parità di esercizio educativo presuppone che ci siano. Le gestioni differenti però non sono separate, sono pluraliste”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo