Insulti antisemiti: Dureghello (Comunità ebraica Roma), “soddisfazione per la risposta di Istituzioni e società civile”. “Il fenomeno venga definitivamente debellato”

“Prendiamo atto con soddisfazione della risposta delle Istituzioni e della società civile alle manifestazioni antisemite avvenute allo stadio Olimpico di Roma. Ciò rappresenta la presa di coscienza di un problema che non riguarda esclusivamente le comunità ebraiche, ma l’intera collettività”. È quanto dichiara, in una nota, Ruth Dureghello, presidente della Comunità ebraica di Roma. “Auspichiamo che il governo, le procure e le altre autorità preposte, agiscano affinché le leggi del nostro Stato vengano rispettate ovunque e non esistano più territori franchi come sono state alcune curve fino ad oggi”, prosegue Dureghello, secondo cui “come ha affermato il presidente della Repubblica Sergio Mattarella l’utilizzo dell’immagine di Anna Frank è un atto disumano e allarmante”. Per la presidente della Comunità ebraica di Roma, “ben vengano le iniziative delle singole società, serve però una riflessione più ampia, che coinvolga le istituzioni politiche, dello sport e le società di calcio affinché il fenomeno venga definitivamente debellato”. “Il rischio – conclude – è che spenti i riflettori ci si dimentichi della necessità di risolvere un problema che offende la società civile e penalizza la parte sana del tifo in Italia”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo